UN NUOVO APICE NELLA CARRIERA DI VICTOR CAMPENAERTS

Il precampionato 2023 di Victor Campenaerts non è andato esattamente come previsto. Il 18 marzo ha subito una grave caduta a Bredene-Koksijde. Gli esami effettuati all'ospedale di Veurne hanno evidenziato la frattura di una vertebra. Le grandi ambizioni di Victor, espresse all'inizio della stagione, vengono immediatamente messe nel cestino.

Vincere una semiclassica in primavera sarebbe stato fuori discussione nel 2023, con un’inattività prevista di sei settimane. All’inizio di maggio, Victor aveva ancora segnalato che non sarebbe stato pronto per il Tour de France. Ma dopo l’eccellente Critérium du Dauphiné, dove ha conquistato la maglia della montagna, è partito lo stesso. Il suo enorme spirito combattivo al Tour non può certo essere sfuggito. A volte la bandiera del capo del Tour Christian Prudhomme era appena calata o Victor era già in fuga, come lui stesso definisce i suoi sforzi per andare via. Nella prima tappa nei Paesi Baschi, è stato il primo fuggitivo. Anche prima della partenza ufficiale, era nel mirino. Più volte ha cercato di far parte di una fuga, che si sperava decisiva. Purtroppo, però, non è andato oltre il 10° posto nella 12ª tappa da Roanne a Belleville-en-Beaujolais.

Premiato con il “Super Combatif

Fortunatamente, il cuore guerriero di Victor non è sfuggito nemmeno alla giuria internazionale composta da otto membri e al pubblico. Nelle tappe 18 e 19 era già stato dichiarato Combatif du jour. Ciò significava che poteva partire il giorno successivo con la maglia beige con i numeri neri. Grazie ai voti della giuria e del pubblico, è stato premiato a Parigi come “Super Combatif”. È stato votato come il corridore più combattivo dell’intera corsa, mentre il beniamino del pubblico francese Thibaut Pinot stava correndo il suo ultimo Tour e sappiamo quanto i francesi possano essere sciovinisti in questo senso. Questo ha fruttato alla Lotto-Dstny un totale di 24.000 euro di premio. L’anno scorso il titolo era andato a Wout van Aert.

Un bel premio per Victor e Lotto-Dstny

Abbiamo chiesto a Victor come e perché ha vinto il premio. “È molto speciale vincere questo premio. Ma non è mai stato un vero e proprio obiettivo quello di vincerlo. È stato più che altro un fatto naturale. Solo nell’ultima settimana di gara è diventato un obiettivo della squadra e abbiamo cercato di attaccare il più possibile per ottenere il premio. Devo quindi ringraziare i miei compagni di squadra per questo. Possiamo guardare indietro con soddisfazione, nonostante non siamo riusciti a vincere una tappa. Anche dal punto di vista personale, questo premio mi dà molta soddisfazione. La mia stagione non è andata bene a causa della brutta caduta e della successiva riabilitazione. Ho iniziato con il dubbio di poter ancora raggiungere il mio miglior livello. Ma questo Tour mi ha rassicurato su questo punto”.

Un tipico capriccio di Campenaerts: il Col du Campi

Chi conosce un po’ Victor sa che può sempre inventarsi qualcosa di inaspettato. È stato così anche dopo il Tour de France, in occasione dell’inaugurazione della rinnovata Piazza del Mercato nella sua città natale, Gavere, all’inizio dello scorso settembre. Ha chiesto al comune, un po’ scherzosamente, di poter posizionare il cartello “Col de Campi” nel parco rinnovato di fronte al municipio. Avrebbe poi girato un video insieme ad Arnaud De Lie – che è regolarmente il suo compagno di allenamento – mentre si “allenavano” sul “Col”. Campi”, come “Vocsnor”, è uno dei suoi soprannomi. Il sindaco Denis Dierick e l’assessore Dirk Martens (che si occupa di sport, tra le altre cose) hanno apprezzato l’idea e hanno permesso che venisse portata avanti. Ed è stato un bel vantaggio per l’apertura del mercato.

Riproduci video

Alla ricerca del Col du Campi

Chi entra a Gavere dal ponte sulla Schelda attraverso la Molenstraat si aspetta, fino alla birreria Contreras, una salita di 1.300 metri con una pendenza media del 2,8%. Ma all’altezza della Piazza del Mercato ridisegnata e del municipio, si deve affrontare un tratto al 7,2% per 100 metri. E il tassametro segna anche brevemente l’8%. Se si gira a destra al punto di accoglienza turistica, si può scalare il Col du Campi con una. Secondo il cartello, ci si trova ad un’altitudine di 2300 cm.

Un appuntamento fisso in paese

Che Victor si senta a casa a Gavere lo sappiamo da tempo. Ma con il colle, che si trova vicino a casa sua sulla Molenstraat, si è dato un posto fisso in paese e ne è orgoglioso. Abbiamo notato che lo prende sul serio quando è impegnato a curare l’impianto della “sua montagna” con gli strumenti necessari. Sicuramente, quando lascerà casa per le Ardenne fiamminghe, dovrà salire sui pedali per arrivare in cima al suo colle.

Un bel finale di stagione, dopotutto

Dopo il Tour de France, al termine di una stagione iniziata così male per lui, ha ottenuto altre due belle vittorie. Così facendo, ha dimostrato di essere uscito dal Tour in ottima forma. Il 19 agosto vinse il Druivenkoers di Overijse. Victor è andato all’attacco nel finale con il norvegese Rasmus Tiller e, dopo un combattuto sprint con l’ex compagno di squadra della NTT Pro Cycling, ha conquistato la vittoria. La sua buona forma è proseguita allo Škoda Tour Luxembourg. Lì, Victor ha vinto la quarta tappa, la cronometro individuale di 23,9 km sul percorso in leggera pendenza intorno a Pétange. Sulle strade lussemburghesi, Victor Campenaerts è stato un secondo più veloce del campione americano a cronometro Brandon McNulty.

Text: Rens Klaasse
Foto’s © Pauline Ballet / Luc Speybroeck

Più attualità

  • ROGER DE VLAEMINCK – ELEGANZA ED EFFICIENZA UNITE SU UNA BICICLETTA DA CORSAROGER DE VLAEMINCK - ELEGANZA ED EFFICIENZA UNITE SU UNA BICICLETTA DA CORSA
    Remco Evenepoel ha compiuto 24 anni il 25 gennaio 2024, e noi abbiamo affiancato il palmares - fino al 24° compleanno - di grandi corridori di varie epoche e paesi. Oggi arriviamo al numero 15 della nostra classifica Roger de Vlaeminck.
    Leggi tutto…
  • JONAS VINGEGAARD FAVORITO ALLA TIRRENO ADRIATICOJONAS VINGEGAARD FAVORITO ALLA TIRRENO ADRIATICO
    Leri si è svolta la prima tappa della Parigi-Nizza ed è stata subito accompagnata dai fuochi d'artificio del favorito Remco Evenepoel. Tuttavia, l'altro favorito Primoz Roglic non si è lasciato prendere dall'invito di Evenepoel a metterci una pezza e ha mantenuto un profilo basso. Forse la tattica migliore se si vuole essere il vincitore assoluto?
    Leggi tutto…
  • NUOVO TEST PER REMCO EVENEPOEL ALLA PARIGI-NIZZANUOVO TEST PER REMCO EVENEPOEL ALLA PARIGI-NIZZA
    Domenica tre marzo inizia a Les Mureaux l'82ª edizione della Parigi-Nizza, con Remco Evenepoel e Primoz Roglic grandi favoriti per la vittoria assoluta. La corsa al sole si conclude il 12 marzo sulla Promenade des Anglais di Nizza. Quest'anno il percorso non è proprio favorevole ai velocisti, visto che ci sono solo due tappe in cui potrebbero fare festa. In totale sono previsti 30 colli catalogati su una distanza totale di 1219 km. C'è anche un'altra cronometro a squadre (tappa 3) che, come l'anno scorso, cronometrerà i tempi dei corridori individualmente.
    Leggi tutto…
Altri articoli