ALDEIAS HISTÓRICAS DE PORTUGAL

Molti di noi conoscono il Portogallo solo per le destinazioni turistiche del soleggiato Algarve o delle città di Lisbona e Porto. Ma per conoscere il vero Portogallo è necessario recarsi nell'entroterra. Nella regione centrale del Portogallo al confine con la Spagna, la Beira Baixa, si trovano le Aldeias historicas de Portugal. Come perle di una catena, i 12 villaggi storici sono collegati da un percorso ciclistico di 565 km.

Il GR22 è fondamentalmente un percorso escursionistico. Ma ora è possibile percorrerlo, anche se su un percorso modificato, sia in mountain bike o gravel che in bici da turismo. Oltre alla mappa generale del percorso, ogni villaggio dispone di un opuscolo informativo in inglese con una mappa. Quasi tutti i villaggi meritano una visita. Tuttavia, bisogna tenere presente che ci sono alcune salite e discese ripide qua e là.

Villaggi fortificati

Dopo essere arrivati all’affollato aeroporto di Madrid da Bruxelles, abbiamo ancora circa 3,5 ore di strada da percorrere in auto prima di arrivare al nostro punto di partenza. Come quasi tutti i villaggi di questa regione, Castelo Rodrigo, cinto da mura e splendidamente restaurato, si trova in cima a una collina (820 m). È così che in passato si poteva resistere agli attacchi in questa regione di confine con la Spagna. Quando, dopo una ripida salita, si entra nel villaggio attraverso una delle porte della cinta muraria del 1296, si torna immediatamente indietro nel tempo di secoli. Il castello di roccia risale al XIV secolo. Al centro del villaggio si trova un’antica gogna. Fortunatamente, non siamo più inchiodati ad essa. Un’ex sinagoga è stata trasformata in un serbatoio d’acqua. Nel 2017, qui è partita la terza tappa della Volta a Portugal. Quella tappa, tra l’altro, fu vinta da Bryan Alaphilippe, il fratello minore del più noto Julian.

Bikotel

Dalla cima, possiamo vedere la nostra dimora, l’Hospedria do Convento de Santa Maria de Aguiar, sotto di noi. Questo storico complesso dell’XI secolo, immerso nei vigneti, era abitato dai monaci cistercensi. La locanda è oggi un Bikotel, una catena di hotel per ciclisti in Portogallo. L’edificio, decorato in modo attraente, serviva anche come punto di sosta per i pellegrini. Ma noi veniamo come moderni pellegrini in bicicletta. I vigneti circostanti facevano parte del monastero in passato. Secondo gli intenditori, i vini sono tra i migliori del Paese. E poiché non è molto frequentato, otteniamo subito un upgrade della nostra camera.

© Aldeias Históricas de Portugal
© Aldeias Históricas de Portugal

In bicicletta con una benedizione

Il giorno successivo pedaliamo attraverso la Sierra da Marofa. Su una collina boscosa (971 m), Cristo veglia su di noi. Ci godiamo la splendida natura che ci circonda. Dopo 55 km e una dura salita finale, siamo a Marialva. Qui sono passati i Romani e gli Arabi. E anche i pellegrini diretti a Santiago de Compostella. Il piccolo villaggio è dominato dai resti di un grande castello. Il moderno ufficio del turismo contrasta nettamente con gli edifici antichi. Ci chiediamo se sia un matrimonio riuscito. Esploriamo il villaggio attraverso strade acciottolate, passando davanti a vecchie case costruite in pietra naturale. Anche qui il tempo si è fermato. Vicino a un’anziana signora che tiene ancora aperto un negozio, beviamo una tazza di tè in giardino e ci godiamo la splendida vista.

Matrimonio reale

A circa 22 km di distanza si trova la prima grande città del percorso, Trancoso. Situata su un altopiano (870 m), con circa 3.500 abitanti, la città è completamente murata e ha 15 torri. Appena fuori dalle mura si trovano tombe scavate nella roccia. Attraverso le imponenti Portas d’El Rei, tributo a un matrimonio reale celebrato qui nel 1282, si percorrono le strette vie del centro storico. Ai margini si trova l’imponente castello che domina la città. Purtroppo però ci troviamo nel giorno sbagliato per visitarlo, perché il castello è chiuso. Ci inoltriamo quindi lungo le mura e le altre tre porte della città. Anche qui, i bellissimi pannelli di piastrelle tipici del Portogallo. Quando cala il buio, le luci creano un’atmosfera incantevole, come in molti altri villaggi. E poi gustiamo il tipico piatto portoghese Bacalhau à Brás (merluzzo con patate e uova).

"Como perlas en una cadena, 12 pueblos históricos están conectados por una ruta ciclista de 565 km."

© Rens Klaasse
© Rens Klaasse

Parco naturale

Sulla strada per Linhares da Beira, pedaliamo nel Parque Natural da Serra da Estrala, la più grande area naturale protetta del Portogallo. Qui si trova anche la vetta più alta della parte continentale del Paese, il Torre (1993 m). In inverno riceve anche la neve, per cui è possibile sciare. Il paesaggio è dominato da pietre, rocce e scogliere. Ai margini del piccolo villaggio si trovano i resti dell’antica strada romana tra Mérida e Braga. A parte alcune case di campagna qua e là, il villaggio è costituito da semplici case di granito. Ma ovunque si notano elementi di un lontano passato nobiliare. Nel centro si trova una bella casa padronale bianca del XIX secolo, ora adibita ad albergo. Sopra il villaggio, su una roccia alta 820 m, si erge un castello con due torri giganti. Da qui si gode di una vista mozzafiato sulla campagna circostante. In un piccolo ristorante d’atmosfera, la Taberna do Alceide, gustiamo un pranzo delizioso. Perché il Portogallo ha anche una cucina deliziosa, che assaporiamo ogni giorno.

Ardesia

Ci addentriamo ora nelle vere e proprie alte montagne per raggiungere Piódão, uno dei villaggi più pittoreschi del Paese. Per farlo, dobbiamo percorrere 102 km con quasi 3.000 altimetrie. La tappa più dura. La qualità delle strade strette a volte non è molto buona. E quando ci avviciniamo al villaggio, notiamo che non siamo gli unici a volerlo visitare. È un luogo turistico. Le case costruite interamente in ardesia si stagliano sul verde della montagna. Anche le strette e ripide strade e le scale sono in ardesia. Solo la chiesa bianca come la neve spicca tra le case marrone-arancio. L’acqua delle montagne scorre in laghi lungo le strade. Nel fiume è stata costruita una piscina naturale. Quando i turisti se ne sono andati, potete godervi il pittoresco villaggio in tutta tranquillità. Tra l’altro, in questa regione ci sono molti altri villaggi di ardesia (aldeias de Xisto).

Ardesia

Ci addentriamo ora nelle vere e proprie alte montagne per raggiungere Piódão, uno dei villaggi più pittoreschi del Paese. Per farlo, dobbiamo percorrere 102 km con quasi 3.000 altimetrie. La tappa più dura. La qualità delle strade strette a volte non è molto buona. E quando ci avviciniamo al villaggio, notiamo che non siamo gli unici a volerlo visitare. È un luogo turistico. Le case costruite interamente in ardesia si stagliano sul verde della montagna. Anche le strette e ripide strade e le scale sono in ardesia. Solo la chiesa bianca come la neve spicca tra le case marrone-arancio. L’acqua delle montagne scorre in laghi lungo le strade. Nel fiume è stata costruita una piscina naturale. Quando i turisti se ne sono andati, potete godervi il pittoresco villaggio in tutta tranquillità. Tra l’altro, in questa regione ci sono molti altri villaggi di ardesia (aldeias de Xisto).

Incendi nella foresta

Mentre percorriamo una tranquilla strada interna vicino a Castelo Novo, un elicottero antincendio si alza improvvisamente in volo. Un enorme pennacchio di fumo si leva tra le colline. Pochi minuti dopo sentiamo le sirene dei bombeiros (vigili del fuoco) che si avvicinano rapidamente. Scattare una foto non è molto apprezzato da loro. Quando ci avviciniamo al villaggio, dopo 110 km, vediamo solo colline annerite. In un bar ai margini del paese beviamo qualcosa. La barista ci racconta che sono scampati al disastro solo pochi mesi fa. Il fuoco si è fermato alle mura della città. Quindi, ancora oggi, stanno proteggendo il villaggio. Attraverso le stradine strette, passando per le case di granito, arriviamo all’alto castello risalente all’XI secolo. Da qui si gode di una bella vista sul paesaggio circostante, ormai malconcio. Davanti al bel municipio, con i suoi suggestivi archi, si trovano una fontana reale e una gogna.

Ritorno alla campagna

Le colline sono seguite da un breve tragitto in auto fino a Idanha-a-Velha. L’ingresso del piccolo villaggio è dominato da una porta con due torri rotonde. È costruito sui resti di una città romana. La storia di questo luogo risale all’inizio della nostra era. Il ponte romano sul Rio Ponsul è ben conservato. Quando c’è acqua nel fiume, è possibile attraversarlo dall’altra parte del villaggio su una fila di pietre. Un secondo ponte era apparentemente troppo costoso. Nel bar locale fanno il possibile per metterci a nostro agio. 

© Aldeias Históricas de Portugal

Ma il villaggio avrebbe bisogno di un lifting. Perché sembra piuttosto fuori luogo rispetto agli altri villaggi. La nostra prossima meta, 11 km più avanti, si vede già in alto su una collina. Monsanto, il villaggio più portoghese del Portogallo.

Un villaggio tra le rocce

La strada che sale sulla collina è ripida, ma offre una fantastica ricompensa. Il villaggio si trova a 758 m sul livello del mare ed è immerso in un paesaggio di rocce granitiche in una natura meravigliosa. Le rocce erano già presenti e sono state costruite successivamente tra di esse. È questo che rende il villaggio così unico. Si sale per le stradine strette e tortuose tra le case costruite in modo storto con pietre di granito accatastate in modo approssimativo. Le pietre giganti fungono da pareti o soffitti. L’alto castello medievale fu distrutto da un’esplosione di munizioni nel XIX secolo. Vicino ai resti del castello si trovano ancora alcuni capannoni murati dove veniva tenuto il bestiame. Così, in caso di assedio prolungato, tutto era a portata di mano. In alcuni villaggi, come questo, esiste ancora l’antica usanza di preparare i piatti in modo centralizzato nei forni del villaggio. Lo si vede ancora regolarmente nei paesi del sud, ma da noi non è molto conosciuto.

Ritorno a nord

Riprendiamo a pedalare verso nord, fino a Sortelha. Questo villaggio completamente murato e quasi circolare è costruito su una roccia. Ed è, come si può intuire, dominato da un castello in rovina. Un tempo era un importante sito strategico per la difesa del territorio retrostante. Attraverso un’antica porta della città con un balcone, entriamo in macchina. Anche qui ci si aspetta di trovarsi da un momento all’altro in una scena medievale. Tante belle vedute e belle case antiche. Qui i turisti non si vedono quasi mai. Per fortuna c’è una terrazza ombreggiata dove ci godiamo un delizioso pranzo con un artista. Dall’altra parte, si esce di nuovo dal villaggio attraverso un cancello su un’antica strada romana. Il paesaggio circostante è dominato da castagneti.

© Rens Klaasse
© Aldeias Históricas de Portugal

Un villaggio agricolo

Vicino alle mura di Castelo Mendo, un contadino è seduto nella stiva del suo trattore a pelare patate mentre le sue capre cercano qualche rametto verde. Un’immagine. Anche la cittadella superiore è murata. Saliamo a piedi sulla pavimentazione secolare. Le rovine della bella chiesa di Santa Maria, risalente al XIII secolo, sovrastano il piccolo villaggio. Nelle vicinanze si vedono ovunque le grandi pietre di granito che un gigante sembra aver disseminato qui intorno. Il villaggio, con le sue sei porte medievali, prende il nome dal primo signore del castello. Appena fuori dalle mura del paese si trova un’altra bella torre colombaia antica, come se ne trovano molte in questa regione.

Magnifica fortezza

L’ultimo villaggio del nostro tour è la vicina Almeida. Questo gioiello del 1641 si trova a soli sette chilometri dal confine spagnolo ed è costruito come una stella a 12 punte. Due grandi porte formano l’ingresso. Bisogna vedere la città dall’alto per capire quanto siano belle le fortificazioni. All’interno della fortezza si trovano ancora numerosi edifici militari, come le caserme della fanteria. Il vecchio arsenale è stato trasformato nel bellissimo maneggio Picadeiro D’el Rey. Le fortificazioni, costituite da sei bastioni e sei rivellini, sono state tutte rese accessibili. Un gregge di pecore mantiene l’erba sui bastioni.

Chiusura a Belmonte

Prima di rientrare in Spagna, facciamo un’altra visita a Belmonte, dove Dalila Dias ci ha invitato all’ufficio del percorso per una visita. Dopo una tazza di caffè, è il momento di esplorare la città. Ha una ricca storia ebraica ed è anche il luogo di nascita di Pedro Alvares Cabral, che scoprì il Brasile. Nel museo del castello potrete scoprire tutto questo. Su una terrazza del Fio de Azeite, nella piazza vicino al vecchio municipio, dove è appeso il logo dell’itinerario, abbiamo concluso la nostra visita in Portogallo. Siamo rimasti piacevolmente sorpresi dalla bellezza di questa parte sconosciuta del Portogallo e dall’ospitalità della gente. L’ufficio del percorso sarà lieto di aiutarvi a ottenere tutte le informazioni di cui avete bisogno. Vedere http://aldeiashistoricasdeportugal.com. Negli anni precedenti, alla fiera del ciclismo e dell’escursionismo era presente uno stand del Portogallo per promuovere il percorso.

© Aldeias Históricas de Portugal
© Aldeias Históricas de Portugal

Text: Rens Klaasse

Più attualità

  • READY TO GET DUSTY AND DIRTY?READY TO GET DUSTY AND DIRTY?
    "Nomen est Omen": il nome dice tutto! Quattro regioni turistiche dell'Außerfern tirolese si sono unite in Gravel.Tirol. Questo ha creato la più grande regione di ghiaia della provincia più occidentale dell'Austria. Come suggerisce il nome, si tratta di pedalare su ghiaia su colline e valli attraverso le Alpi.
    Leggi tutto…
  • AVVENTURE IN MTB NELLA BREGENZERWALDAVVENTURE IN MTB NELLA BREGENZERWALD
    Nel Bregenzerwald si pedala tra montagne, foreste e casette tipiche, dove si incontrano il vecchio e il nuovo, la costruzione tradizionale in legno e il design moderno. Qui il ciclismo è anche un mix di salite ripide, faticose escursioni in montagna e piacevoli pedalate attraverso il tradizionale paesaggio culturale dei 23 villaggi della Bregenzerwald. Tra la foresta e il mondo abitato, la regione del Vorarlberg è piena di divertimento in bicicletta con oltre 460 chilometri di percorsi per mountain bike. Quindi, fate un bel respiro, godetevela e saltate in sella alla vostra mountain bike!
    Leggi tutto…
  • RELAX E DIVERTIMENTO SUI COLLI DOLOMITICIRELAX E DIVERTIMENTO SUI COLLI DOLOMITICI
    Circondata dalle pittoresche cime delle Dolomiti, patrimonio mondiale dell'UNESCO, la "Regina delle Dolomiti" si trova a 1.224 metri: Cortina d'Ampezzo. Un vero e proprio classico alpino, che combina senza sforzo tradizioni secolari e leggendarie attrazioni ciclistiche. Benvenuti in un colorato pot-pourri di tradizioni, storia e dolce vita altoatesina.
    Leggi tutto…
Altri articoli