A SINISTRA E A DESTRA DEL CANALE ARANCIONE

Pedalare lungo un canale può essere un'attività monotona. Andare sempre dritti e guardare l'infinito. In altre parole, accumulare chilometri. Un'altra opzione è quella di prendere il canale come guida e vedere a destra e a sinistra come si può combinare l'utile con il dilettevole mentre si pedala.

Ci siamo recati nella provincia di Drenthe, nel nord dei Paesi Bassi, e abbiamo pedalato lungo l’Oranjekanaal, che attraversa la provincia da ovest a sud-est, rimanendo sorpresi da ciò che abbiamo incontrato lungo il percorso.

Scavato tra il 1853 e il 1858

Siamo partiti per il nostro tour dal punto in cui l’Oranjekanaal si collega alla Drentse Hoofdvaart (arrivando da sud, appena dopo la torre televisiva di Smilde). Per prima cosa ci immergiamo nella storia, per la quale dobbiamo risalire alla metà del XIX secolo. Nel 1850, nelle aree torbose di Midden-Drenthe era già stata scavata molta torba, ma nel sud-est della Drenthe c’era ancora molta torbiera alta. Alcuni imprenditori provenienti dall’ovest del Paese erano interessati a questa situazione ed erano disposti a investire nell’estrazione e nella produzione di torba. Un ulteriore problema era lo smaltimento della torba. I due imprenditori concepirono il progetto di scavare un proprio canale tra la Drentse Hoofdvaart e l’area della torba. Per realizzarlo, il 15 marzo 1853 fondarono a Dordrecht la Drentsche Veen- en Middenkanaal Maatschappij. I lavori di scavo del canale iniziarono nel novembre 1853. Cinque anni dopo, il canale, lungo oltre 45 chilometri, fu completato. Con il permesso del re, gli fu dato il nome di Oranjekanaal. Fino al 1976, il canale è stato utilizzato per la navigazione. Ora fa parte di un sistema di canali che costituisce il nucleo della gestione idrica della provincia. Per il resto, è dominio dei pescatori e dei canoisti occasionali. Una volta memorizzata la storia del canale, è il momento di montare sul “destriero d’acciaio”.

Arancione

La strada che costeggia il canale è molto trafficata dal traffico motorizzato, quindi è consigliabile scegliere il lato più “tranquillo” dove la bicicletta è rilassata. Per questo motivo, partiamo dal lato sud. Presto siamo sorpresi da un grande campo di papaveri in fiore. Naturalmente scattiamo qualche foto. Poco dopo, entrando nel villaggio di Oranje, vediamo un complesso di edifici colorati in diagonale davanti a noi. Si tratta di un’ex fabbrica di farina di patate fondata dagli agricoltori della regione nel 1913. Intorno alla fabbrica, il villaggio di Oranje è cresciuto con le case degli operai. Alla fine degli anni ’70, la fabbrica ha chiuso a causa delle dimensioni ridotte e delle scarse prospettive future. Continuiamo (ora sul lato nord) il nostro percorso lungo il canale. Dopo un chilometro e mezzo, lungo il canale c’è un cartello con una notevole leggenda sulla “enigmatica scomparsa dell’Annigje ll”. Come sia successo tutto ciò non lo riveleremo. Andate in bicicletta, guardate e leggete voi stessi!

Hijken

Quando giriamo a destra sul ponte, entriamo direttamente nel caffè “De Dorpskern”. Sulla parete laterale dell’edificio c’è un bellissimo murale sul ciclismo, dipinto in occasione della partenza della Vuelta a España nella vicina Assen nel 2009. Il gestore è un appassionato di ciclismo e al tavolo dei clienti abituali parliamo animatamente di ciclismo. Quando ce ne andiamo, mi chiama: “Scrivi che facciamo un buon caffè e che abbiamo una deliziosa torta di mele”. Sul lato sud del canale, continuiamo a pedalare verso est. Dopo qualche chilometro, al passaggio a livello, giriamo di nuovo a nord. Sembra complicato, ma tutto si risolve da solo.

Campo di Westerbork

Appena superato l’incrocio 15 (dopo circa un chilometro e mezzo) giriamo a sinistra verso Kamp Westerbork. Attraversando il bosco, entriamo in un mondo completamente diverso, che ricorda la persecuzione degli ebrei durante la Seconda Guerra Mondiale. Da questo campo, 102.000 ebrei furono trasportati in campi di sterminio come Auschwitz e Solibor. 93 volte questo trasporto è partito. Solo 5.000 deportati fecero ritorno. È possibile girare liberamente in bicicletta all’interno del campo. Il monumento nazionale di Westerbork: la linea ferroviaria con le rotaie curve simboleggia il terribile sterminio. Sull’ex campo di mele si trovano 102.000 blocchi di pietra rossa, un blocco per ogni uomo, donna e bambino deportato. Lasciamo il sito attraverso lo svincolo 58 e, allo svincolo 52, torniamo al canale, che attraversiamo prima di svoltare immediatamente a sinistra. Chi vuole ancora pedalare sui ciottoli dei campi della Drenthe può divertirsi nel bosco che abbiamo appena attraversato.

Orvelte

Al cartello che indica l’incrocio 97 (Veldma), teniamo la destra. Poi, all’incrocio, giriamo a sinistra in direzione di Orvelte. Nel 1967, Orvelte è stato dichiarato villaggio protetto. Questo per preservare il carattere originale. Il villaggio e le fattorie sono stati restaurati e arredati come dovevano essere a metà del XIX secolo. Le case coloniche sono state addirittura trasferite da altri comuni e ricostruite qui nello stile originale. Oggi è una delle maggiori attrazioni turistiche della provincia, dove si può facilmente trascorrere una giornata tra negozi, laboratori, caffè e così via. Ma anche i fabbri lavorano e la vita contadina rivive. Presente e passato si fondono qui in modo unico.

Schoonoord

Senza le gite a Camp Westerbork e Orvelte, abbiamo percorso oltre 27 chilometri lungo il canale. Al ponte di Schoonoord, che deve la sua esistenza all’Oranjekanaal, svoltiamo a sinistra per raggiungere il Museo all’aperto di Ellert e Brammert, che prende il nome dai due giganti che, come narra la leggenda, si recavano a caccia di frodo nella regione. Il museo rivive il passato della Drenthe sud-orientale. La vita e l’abitare in questa zona sono rappresentati dai vari tipi di abitazioni, tra cui naturalmente le capanne di zolle in cui vivevano i lavoratori della torba. Passando per Odoornerveen, si arriva alla città più grande della regione: Emmen, con 60.000 abitanti. (Il comune complessivo che comprende tutta la Drenthe sud-orientale conta oltre 108.000 abitanti).

Oranjedorp

Il villaggio – sorto intorno al 1858 a causa della bonifica delle torbiere – è descritto al meglio dai versi di una poesia che abbiamo trovato vicino a un monumento presso il ponte. Superato il villaggio, il viaggio di circa 48 chilometri lungo l’Oranjekanaal è quasi terminato. Poco più avanti si trova la chiusa di Oranjesluis e il canale sfocia nel Verlengde Hoogeveensevaart.

Giriamo a destra per passare la notte due chilometri più avanti al Charmecamping “Op Fietse”, vicino a Erica. Il nome è tratto da una canzone del gruppo SKIK del 1997 con il cantante Daniël Lohues che ha le sue radici qui a Erica. “Op Fietse”: potrebbe essere più appropriato dopo il nostro viaggio in bicicletta?

Text and Photo: Teus Korporaal

Più attualità

  • READY TO GET DUSTY AND DIRTY?READY TO GET DUSTY AND DIRTY?
    "Nomen est Omen": il nome dice tutto! Quattro regioni turistiche dell'Außerfern tirolese si sono unite in Gravel.Tirol. Questo ha creato la più grande regione di ghiaia della provincia più occidentale dell'Austria. Come suggerisce il nome, si tratta di pedalare su ghiaia su colline e valli attraverso le Alpi.
    Leggi tutto…
  • AVVENTURE IN MTB NELLA BREGENZERWALDAVVENTURE IN MTB NELLA BREGENZERWALD
    Nel Bregenzerwald si pedala tra montagne, foreste e casette tipiche, dove si incontrano il vecchio e il nuovo, la costruzione tradizionale in legno e il design moderno. Qui il ciclismo è anche un mix di salite ripide, faticose escursioni in montagna e piacevoli pedalate attraverso il tradizionale paesaggio culturale dei 23 villaggi della Bregenzerwald. Tra la foresta e il mondo abitato, la regione del Vorarlberg è piena di divertimento in bicicletta con oltre 460 chilometri di percorsi per mountain bike. Quindi, fate un bel respiro, godetevela e saltate in sella alla vostra mountain bike!
    Leggi tutto…
  • RELAX E DIVERTIMENTO SUI COLLI DOLOMITICIRELAX E DIVERTIMENTO SUI COLLI DOLOMITICI
    Circondata dalle pittoresche cime delle Dolomiti, patrimonio mondiale dell'UNESCO, la "Regina delle Dolomiti" si trova a 1.224 metri: Cortina d'Ampezzo. Un vero e proprio classico alpino, che combina senza sforzo tradizioni secolari e leggendarie attrazioni ciclistiche. Benvenuti in un colorato pot-pourri di tradizioni, storia e dolce vita altoatesina.
    Leggi tutto…
Altri articoli