GORGES DE LA NESQUE MERAVIGLIA NATURALE IN VAUCLUSE

La regione intorno al Mont Ventoux è meravigliosa per il ciclismo. Le bellezze naturali e i graziosi villaggi si susseguono negli ampi dintorni della montagna. Gole, vigneti, panorami, tornanti, formazioni rocciose e tipici villaggi pittoreschi si alternano continuamente. Siamo stati nella regione a metà settembre e vi abbiamo percorso diverse belle gite partendo dal campeggio le Voconce a Saint-Marcellin-lès-Vaison, vicino alla pittoresca Vaison-la-Romaine.

Oggi vi portiamo alla scoperta delle Gorges de la Nesque, il secondo dei tre punti caldi del Vaucluse di cui vi parliamo.

Sul Col de la Madeleine

Da Saint-Marcellin-lès-Vaison, siamo partiti per questo giro via Entrechaux, attraverso Malaucène, fino a Bédoin, a Villes-sur-Auzon, prima di pedalare attraverso le bellissime Gole della Nesque, passando per Monieux e Sault fino allo Chalet Reynard. Dallo Chalet Reynard si scende a rotta di collo per tornare al punto di partenza passando per Bédoin e il Col de la Madeleine. In questo viaggio di andata e ritorno, quindi, saliamo e scendiamo una parte del Ventoux. Tuttavia, a noi interessano soprattutto le meravigliose Gorges de la Nesque.

Ma anche il bellissimo Col de la Madeleine merita di essere menzionato. La bella strada tortuosa, che si snoda tra pini e verde, da Malaucène a Bédoin non è troppo difficile. Soprattutto, il colle permette di godersi il paesaggio, il profumo dei pini e l’asfalto ben battuto.

"Sembra che la gola sia stata fatta per la bicicletta!"

Le Gole della Nesque

Le Gorges de la Nesque sono una profonda gola fluviale all’ombra del Mont Ventoux che si può percorrere in bicicletta. Il paesaggio aspro è a dir poco impressionante.

In alcuni punti la gola è profonda fino a 400 metri. Il fiume Nesque, che nasce sul versante orientale del Ventoux e si prosciuga in estate, ha scavato in profondità nella roccia calcarea. Il Nesque si snoda attraverso un maestoso paesaggio roccioso per 17 km tra Villes-sur-Auzon e Monieux. La D942 attraversa questa gola unica e disabitata. È una strada bellissima con viste spettacolari sul fiume che si snoda attraverso il paesaggio, a volte fino a quattrocento metri di profondità. Al Belvédère, nel punto più alto, si ha una vista impressionante sulla roccia opposta Rocher du Cire e sulla gola profonda 350 metri. A valle, la Nesque si unisce alla Sorgue a Pernes-les-Fontaines dopo settanta chilometri.

Tuttavia, questo viaggio in bicicletta, semplicemente stupefacente fin dal primo chilometro, diventa magico da Villes-sur-Auzon in poi. Lo spettacolo geologico si accumula a partire da questo punto e diventa sempre più bello e stupefacente man mano che si sale. Sebbene le Gorges de la Nesque siano piuttosto profonde, la strada lungo il fiume non è ripida. Questo rende il percorso ideale per godere delle bellezze naturali in modo molto ricreativo e turistico. La strada è piuttosto stretta, ma questo ha i suoi vantaggi, dato che qui il traffico di camion è vietato, il che rende tutto più sicuro e rilassato. Il dislivello è di soli cinquecento metri, il che lo rende fattibile anche per i ciclisti meno allenati. È come se la gola fosse stata creata per la bicicletta!

Un buon chilometro prima di raggiungere il punto più alto, poco prima di una delle gallerie che attraversano le rocce, vediamo un bellissimo spettacolo sopra di noi. Centinaia di rondini si divertono nel firmamento. Come acrobati aerei, vanno a caccia di insetti. Con i loro riconoscibili battiti d’ala e la coda splendidamente biforcuta, sono incredibilmente agili. È meraviglioso osservarli. Ma all’improvviso, poco più in alto, decine di avvoltoi scendono in picchiata volteggiando davanti ai nostri occhi. La scena in questo ambiente maestoso è magica. Uno spettacolo unico con grandi interpreti, ognuno dei quali eccelle nel proprio ruolo, in uno scenario travolgente.

Via Chalet Reynard e ritorno al campeggio Le Voconce

Dopo questo delirio ciclistico attraverso uno dei fenomeni naturali più belli di Francia, proseguiamo verso Sault, dove si trovano i piedi del Mont Ventoux, a 702 m di altitudine. Da qui saliamo costantemente fino allo Chalet Reynard e a un’altitudine di 1408 m. Percorriamo così 706 altimetrie su una distanza di oltre 18 km. Una salita molto dolce in cui pedaliamo dolcemente in salita con le belle immagini delle Gorges de la Nesque ancora in mente. Con una salita massima e una media del 3,9%, cominciamo lentamente a tornare al presente e a dare il via alle Gole. Anche qui cominciamo a renderci conto della bellezza del ciclismo. Una volta raggiunto lo Chalet Reynard, ci fermiamo per un meritato caffè e una torta. In questo modo facciamo rifornimento di carburante e ci riprendiamo un po’, perché il viaggio non è ancora finito.

Dopo aver ricaricato le proverbiali batterie, pedaliamo a rotta di collo fino a Bédoin e da lì attraverso il Col de la Madeleine fino a Malaucène, passando per la D 938 fino a Saint-Marcellin-Lès-Vaison e al campeggio Le Voconce. Dopo 125 km e 2.068 metri di altitudine, ci tuffiamo di nuovo nel fiume dietro il campeggio, per liberare i nostri muscoli stanchi dall’acqua corrente dell’Ouvèze.

Wow, che viaggio! Wow che giornata! Che bella regione!

Text and photos: Patrick Van Gansen

Più attualità

  • READY TO GET DUSTY AND DIRTY?READY TO GET DUSTY AND DIRTY?
    "Nomen est Omen": il nome dice tutto! Quattro regioni turistiche dell'Außerfern tirolese si sono unite in Gravel.Tirol. Questo ha creato la più grande regione di ghiaia della provincia più occidentale dell'Austria. Come suggerisce il nome, si tratta di pedalare su ghiaia su colline e valli attraverso le Alpi.
    Leggi tutto…
  • AVVENTURE IN MTB NELLA BREGENZERWALDAVVENTURE IN MTB NELLA BREGENZERWALD
    Nel Bregenzerwald si pedala tra montagne, foreste e casette tipiche, dove si incontrano il vecchio e il nuovo, la costruzione tradizionale in legno e il design moderno. Qui il ciclismo è anche un mix di salite ripide, faticose escursioni in montagna e piacevoli pedalate attraverso il tradizionale paesaggio culturale dei 23 villaggi della Bregenzerwald. Tra la foresta e il mondo abitato, la regione del Vorarlberg è piena di divertimento in bicicletta con oltre 460 chilometri di percorsi per mountain bike. Quindi, fate un bel respiro, godetevela e saltate in sella alla vostra mountain bike!
    Leggi tutto…
  • RELAX E DIVERTIMENTO SUI COLLI DOLOMITICIRELAX E DIVERTIMENTO SUI COLLI DOLOMITICI
    Circondata dalle pittoresche cime delle Dolomiti, patrimonio mondiale dell'UNESCO, la "Regina delle Dolomiti" si trova a 1.224 metri: Cortina d'Ampezzo. Un vero e proprio classico alpino, che combina senza sforzo tradizioni secolari e leggendarie attrazioni ciclistiche. Benvenuti in un colorato pot-pourri di tradizioni, storia e dolce vita altoatesina.
    Leggi tutto…
Altri articoli