RIORDINARE O CONSERVARE?

Tutti hanno delle fasi della vita in cui iniziano a fare pulizia. Dopotutto, una persona tende a conservare molto e a volte ci si chiede che fine farà il proprio archivio, in questo caso ciclistico, quando si sarà scambiato il presente con l'eterno. Ecco perché è una buona idea fare un po' di ordine. Fate un inventario di ciò che avete, di ciò che può andare e di ciò che può restare.

È così che funziona il gioco. Ma non è così facile, perché in futuro potrebbe servirvi di nuovo. Per fortuna, al giorno d’oggi abbiamo Google, dove tutte le domande sono risolte. Davanti a me ci sono alcuni album degli anni dal 1985 al 1990, quando andavo alla Parigi-Roubaix e alla Liegi-Bastogne-Liegi come tifoso per fotografare. In seguito, le foto sono state sviluppate e con i ritagli di giornale si è creato un album di quei giorni. È bello sfogliarlo di nuovo. Buttarle via? Non se ne parla. I ricordi riaffiorano. Rivivi di nuovo quei giorni e le tue foto ti confermano tutto. Forse più tardi anche i miei figli le guarderanno per vedere ciò che il loro padre ha visto e catturato sulla lastra sensibile (come si chiamava una volta).

Côte de Chambralles

Questi album di ritagli sono ora una grande fonte di informazioni. Si ha subito tutto a portata di mano. Sfogliando, mi ritrovo al 15 aprile 1990. Siamo sulla Côte de Chambralles in attesa che gli uomini si battano per la vittoria della 79ª Liegi-Bastogne-Liegi. I corridori avranno scalato la Côte de la Redoute 11 chilometri prima. Quando arriveranno in cima alle Chambralles (lunghezza 1550 m, pendenza media 9,5%, pendenza massima 20%, dislivello 147 m) avranno completato 222,5 km e ne mancano 33,5 per arrivare a Liegi con i passaggi della Côte de Fraiture e della Côte des Forges. È la seconda volta (dopo il 1989) che lo Chambralles viene incluso nel programma del percorso. Non sappiamo assolutamente cosa ci aspetta. Ci sarà un grande gruppo o un corridore solitario? Non abbiamo informazioni. Poi arriva l’elicottero nel cielo e il carro Rodania con l’orologio sopra che si sente avvicinare da lontano. Gli altoparlanti emettono il suono r-o-d-a n-i-a. Poi arriva un leader solitario della squadra Toshiba. Sul giornale che abbiamo con noi, controlliamo il suo numero di maglia e vediamo che è Jean-François Bernard. Poi arriva un gruppo di otto corridori guidati dal corridore Panasonic Gert-Jan Theunisse (Panasonic).

Bernard verrà ripreso sulla Côte de Fraiture, arrivando 24° a 06’03” dal vincitore Eric Van Lancker. (Panasonic).

Jean-François Bernard

Poi, naturalmente, viene da chiedersi: chi è questo Jean-François Bernard? È nato nel 1962 a Luzy (dep.58 Nièvre), nel Parco Naturale Regionale del Morvan. Nel 1984 è diventato ciclista professionista con La Vie Claire, la squadra di Bernard Hinault, tra gli altri. Bernard è particolarmente forte nei prologhi e nelle cronometro. Nel 1986, ad esempio, vince i prologhi del Tour de Armor, del Tour de Romandie e del Dauphiné Libéré, nonché la tappa Nîmes-Gap (246,5 km) del Tour de France. Nel 1987, vittorie nella tappa Trescore Balneario-Madesimom (160 km) del Giro e in due cronometro del Tour: 18ª tappa tra Carpentras e Mont-Ventoux (36,5 km) e 24ª tappa a Digione (38 km). Quell’anno arrivò anche terzo nella classifica finale dietro a Stephen Roche e si aggiudicò la cosiddetta maglia del giro (maglia combinata della migliore classifica nelle tre classifiche: generale, montagna e punti).

Poi la storia della sua vittoria nella cronometro sul Mont-Ventoux. Ha guidato una bici da cronometro fino ai piedi della salita e poi ha cambiato bici. Ha raggiunto la cima con un tempo di 58’02” ed è diventato anche maglia gialla. Nessuno è stato più veloce in gara fino a quel momento. Giorni dopo, perde la maglia a causa della sfortuna nella tappa di Villard-de-Lans.

Alla sua seconda partecipazione al Giro d’Italia, nel 1988, vince la cronometro d’apertura di nove chilometri a Urbino ed è maglia rosa per tre giorni. Vince anche l’ottava e la quindicesima tappa. In seguito abbandona la corsa dopo una caduta in una galleria non illuminata. Alla Vuelta a España, l’8 maggio 1990 vince la cronometro Ezcary-Valdezescary di 24 km. Ora può unirsi alla schiera di corridori che hanno vinto tappe in tutti e tre i grandi giri. Tra il 1991 e il 1994 ha corso per la squadra spagnola Banesto come meccanico di Miguel Indurain. Tra gli altri, aggiunge alla sua lista di onorificenze le vittorie finali nella Parigi-Nizza (1992), nel Critérium International (1992) e nell’Omloop van de Sarthe (1992, 1993). In altre parole, il nostro “modello fotografico” della Liegi-Bastogne-Liegi non è stato un ragazzino del ciclismo.

Ciclosportivo

A Corbigny, ogni anno viene organizzata la ciclosportiva “La Jean-François Bernard” su distanze di 136, 95 km e 73 km, con dislivelli rispettivamente di 2267, 1547 e 985 metri. Esiste anche un percorso, una cosiddetta rando verte, lungo il Canal du Nivernais di 37 km con solo 287 metri di altitudine. Un ciclismo rilassato e non una pedalata per l’oro, l’argento o il bronzo. (vedi www.jeanfrancvoisbernard.fr). La prossima edizione sarà organizzata il 4 settembre 2022.

Gli album dei ricordi stanno tornando in archivio! Chissà, forse un giorno ne avrò di nuovo bisogno.

 

Testo e immagine: Teus Korporaal

Più attualità

  • CAMPIONATI EUROPEI 2024 NELLA PROVINCIA CICLISTICA FIAMMINGA NUMERO UNOCAMPIONATI EUROPEI 2024 NELLA PROVINCIA CICLISTICA FIAMMINGA NUMERO UNO
    Tra meno di 100 giorni, il Limburgo potrà prepararsi a un festival ciclistico di grande portata. La provincia più orientale delle Fiandre accoglierà infatti i Campionati europei su strada UEC 2024 dall'11 al 15 settembre prossimi.
    Leggi tutto…
  • UNA BOTTE DI PERCORSI CICLISTICI IMPEGNATIVI DALL’HOF VAN KALENBERGUNA BOTTE DI PERCORSI CICLISTICI IMPEGNATIVI DALL'HOF VAN KALENBERG
    Organizzare una vacanza o un weekend in bicicletta con la cerchia di amici o il club ciclistico e sperimentare e rafforzare lo stretto legame dell'intero gruppo non è un'impresa facile per molti. Eppure, non è così difficile trovare la formula ideale per rendere i legami del vostro gruppo ciclistico ancora più forti. La chiave sta nell'affittare una casa vacanze all-inclusive, dove tutti possano vivere appieno la passione per il ciclismo.
    Leggi tutto…
  • FIANCHI DEL COLL DE RATES IN FIAMMEFIANCHI DEL COLL DE RATES IN FIAMME
    Il noto Coll de Rates, nella regione di Calpe, è stato incendiato questo fine settimana a causa di un incendio fuori controllo di rifiuti da giardino. Sono andati a fuoco non meno di 800 ettari.
    Leggi tutto…
Altri articoli