LA PARTE PIÙ BELLA DELLA COSTA SPAGNOLA

La bellezza è un concetto soggettivo e quindi dipende dai vari gusti. Tuttavia, ci sono cose/esseri/fenomeni che tutti concordano sul fatto che siano l'eccezione tra tutte le altre bellezze. Per più di 30 anni ho viaggiato in camper in tutta Europa. Quante volte l'intera costa della Spagna orientale e meridionale sia stata in programma non lo ricordo nemmeno con precisione.

In quasi tutte le città costiere ho messo piede a terra almeno una volta e ho preso la moto per andare nell’entroterra e percorrere una parte della costa in bicicletta. La bellezza è quasi ovunque sulle coste spagnole. Bello, bello, bello e poi si finisce nella Costa del Sol e più precisamente nel tratto tra Almunecar e Torox Costa. Si pedala lungo un tratto di costa con spiagge nascoste, mare limpido e verde-azzurro e si attraversa un’area protetta dove quasi sicuramente si incontra uno stambecco o qualche cinghiale. L’entroterra è ancora più bello, se possibile, e un percorso lungo i bianchi villaggi di montagna è qualcosa che tutti dovrebbero fare prima o poi.

In questo articolo non vogliamo parlare di uno o quale itinerario ciclistico percorrere, poiché le possibilità sono innumerevoli e molto diverse. Per dare ai lettori un’idea di ciò che si può vivere sia in bici che fuori, diamo qui un’antologia limitata delle chicche che una vacanza in questa zona può offrire.

Iniziamo dal residence ISEA CALACEITE, al confine tra Torrox e Nerja.

Torrox – Il miglior clima d’Europa

Arrivando a Torrox Costa lungo la strada costiera, si viene immediatamente spiazzati. Qui ci si trova nel miglior clima d’Europa. Tuttavia, una vacanza (in bicicletta) nel clima più soleggiato d’Europa, con una media di 320 giorni di sole all’anno, ovvero una media di 8 “ore di sole” al giorno, offre molto di più del semplice sole. Ci si aspetterebbe che qui il clima sia molto secco e arido (come in molte regioni della Spagna). Ma niente di più sbagliato! Grazie alla vicinanza con la Sierra Nevada e alla presenza di numerose altre catene montuose, qui la natura è verdeggiante e all’interno si trovano numerosi (piccoli) fiumi e cascate. Un paradiso in tutti i sensi.

Torrox Pueblo si trova nell’entroterra a circa quattro chilometri da Torrox Costa. Il villaggio è ben posizionato su una collina e da qui si gode di una splendida vista sul mare e su Torrox Costa. In bicicletta, è un bel riscaldamento per dirigersi verso l’entroterra e quindi fare un bel po’ di metri di altitudine. Torrox Costa è una piccola località balneare con una bella e lunga spiaggia di sabbia. Lungo questa spiaggia si snoda un vivace lungomare dove si trovano anche negozi e diversi ristoranti. Il lungomare è ideale per passeggiare, fare jogging, andare in bicicletta o sui rollerblade. La località e il villaggio sono circondati da diversi parchi nazionali; in altre parole, è la città costiera più centrale per esplorare gli straordinari dintorni.

Nerja

Se si guida verso est da Torrox Costa, si arriva dopo pochi chilometri alla pittoresca Nerja. Nerja è un vero paradiso balneare! E anche per chi vuole di più, Nerja offre tutto ciò di cui avete bisogno. È un villaggio attraente, con circa 22.000 abitanti e un’ampia gamma di attività, senza la frenesia di una città più grande. Potrete mangiare fuori, passeggiare nel centro senza auto, assistere a eventi culturali.

I fantastici dintorni offrono inoltre ogni tipo di escursione, dai bellissimi villaggi ai più bei percorsi ciclistici, MTB ed escursionistici nella natura. Di seguito vi elenchiamo le migliori opzioni, ma non ci limitiamo alle gite in bicicletta, perché c’è molto altro da fare e da sperimentare!

15 super spiagge

Le spiagge devono essere al primo posto: Nerja offre alcune delle migliori spiagge della Costa del Sol. Dalle lunghe spiagge sabbiose come Burriana e El Playazo alle calette nascoste come quelle di Acantilados de Maro-Cerro Gordo, Nerja ha tutto! Le formazioni rocciose lungo la costa e le piccole baie sono riserve naturali protette.

La varietà è piacevolmente sorprendente: spiagge di sabbia scura, spiagge di ghiaia, spiagge rocciose riparate… Spesso con una vista fantastica intorno! A volte si scendono delle scale per raggiungere la spiaggia, ma questo piccolo sforzo è ampiamente ricompensato. Acqua cristallina verde-blu per nuotare o fare snorkeling, un piacevole mix di sabbia e ciottoli,… Benvenuti in paradiso!

All’interno dei confini della provincia di Nerja si trovano ben 12 spiagge, che meritano tutte una visita.

Le grotte di Nerja

Avete preso abbastanza sole per un po’? Allora le fresche volte delle grotte di Nerja sono un gradito cambiamento dal caldo estivo! Queste grotte calcaree offrono un’affascinante gita di un giorno per tutta la famiglia.

Scoperte per la prima volta nel 1959, le “cuevas de Nerja” sono lunghe circa 5 chilometri e sono tra le grotte più grandi d’Europa. Dal 1989 sono entrate nel Guinness dei primati perché qui si trova anche il più grande pilastro sotterraneo. Qui si trovano anche le più antiche pitture rupestri di Neanderthal del mondo.

Inoltre, sono già state scoperte ceramiche romane, monete moresche e un’eccezionale biodiversità. Le grotte dimostrano di volta in volta di ospitare veri e propri tesori storici.

A luglio ospitano anche un festival di musica e danza. Un concerto in questo ambiente naturale e sotterraneo è un’esperienza indimenticabile!

Passeggiare e posare sul Balcone d’Europa

Una parte del centro storico di Nerja è accessibile esclusivamente ai pedoni. Invita a una piacevole passeggiata e a una divertente sessione fotografica sul Balcone d’Europa! Lì si possono ammirare le viste più spettacolari di Nerja e si respira un’aria di divertimento e di vita.

Prende il nome dal re

Secondo la leggenda, il balcone deve il suo nome al re Alfonso XII. Poiché questo re ha reso famoso il balcone d’Europa, alla fine di esso si trova anche la sua statua. Questa statua, a grandezza naturale, è un luogo ideale per scattare foto. Sembra che poi appariate sulla stampa insieme all’ex monarca.

Sotto il balcone, tra l’altro, c’è un ristorante dove si può mangiare la paella in questo splendido panorama. Vengono inoltre organizzati regolarmente dei concerti.

A partire dal mese di maggio e in estate, Nerja si anima di feste allegre, che culminano nella fiera annuale di ottobre.

Rinfrescarsi nel fiume

Lasciate da parte la bicicletta da strada o la MTB e fate una gita di un giorno a piedi al río Chillar. Questa rinfrescante passeggiata fluviale è adatta anche ai bambini piccoli, il che la rende ideale per una gita in famiglia. Il fiume Chillar offre anche diverse piscine e cascate in cui nuotare!

Si consiglia inoltre di fare un’escursione in MTB a El Pinarillo. Si tratta di un’area picnic e ricreativa nel mezzo del Parco Naturale della Sierra de Tejeda, Almijara e Alhama. Una bellissima riserva naturale situata a sei chilometri dalle grotte di Nerja. Anche qui è possibile portare tutta la famiglia a fare escursioni in bicicletta o a piedi.

Godetevi il percorso di kayak più bello dell’Andalusia

È anche possibile praticare il kayak da mare. Il percorso in kayak dalla spiaggia di Burriana a Nerja al vicino Maro è indimenticabile!

Qui scorrono diversi fiumi che danno vita a spettacolari cascate che si gettano dalle scogliere. Le più grandi sono la Cascada la Doncella e la Cascada Grande de Maro.

Tutt’intorno si gode di un paesaggio costiero di impressionante bellezza, con spiagge nascoste e innumerevoli grotte piene di acqua turchese,… Un’escursione in kayak non può essere più bella di così!

Arrivando alla spiaggia di Maro, avrete un’altra attrazione di prim’ordine. Le acque cristalline, la facilità di accesso e il paesaggio fantastico hanno già fatto sì che gli spagnoli scegliessero questa spiaggia come “migliore spiaggia dell’Andalusia” e “seconda migliore spiaggia di tutta la Spagna”.

La posizione non potrebbe essere più idilliaca. Questa spiaggia simile a una baia confina con l’Area Naturale Los Acantilados de Maro – Cerro Gordo. Questa parte del mare è stata dichiarata zona speciale protetta dalle Nazioni Unite. In quest’area non è consentita la pesca, il che ha permesso alla vita marina di prosperare in abbondanza.

Di conseguenza, questa è una delle migliori località della Spagna per lo snorkeling e le immersioni. Potrete osservare numerosi coralli, spugne, anemoni, gamberi, granchi, aragoste e un’infinita tavolozza di colori di pesci.

Tutta la famiglia può fare snorkeling alla spiaggia di Maro, poiché la maggior parte dei punti migliori si trova a breve distanza dalla spiaggia. Basta indossare una maschera da snorkeling e immergere la testa sotto l’acqua per rendersi conto che questo mondo sottomarino è, se possibile, ancora più bello di tutto lo splendore che c’è sopra l’acqua.

Proseguendo attraverso il parco naturale fino ad Almuñecar – Los Acantilados de Maro-Cerro Gordo

Lungo la N340 tra Nerja e Almuñecar si trova la riserva naturale protetta Los Acantilados de Maro-Cerro Gordo. Si tratta di una fascia costiera ancora vergine che segna il passaggio dalla Costa del Sol della provincia di Malaga alla Costa Tropical della provincia di Granada. La fascia costiera è caratterizzata da splendide insenature e spiagge nascoste. Un tratto paradisiaco da percorrere in bici da corsa o in MTB!
L’area totale della riserva naturale, compresa la parte marina, si estende per 1814.685 ettari ed è caratterizzata da ripide scogliere alte fino a più di 75 metri. Non è raro vedere i delfini nuotare dalla spiaggia o incontrare animali selvatici come stambecchi, cinghiali o camaleonti.

Per esplorare anche Almuñecar è necessario almeno un fine settimana, per non parlare dell’itinerario (A-4050) che da Almuñecar conduce alla Sierra Nevada passando per Otivar e Lentegi. Un paesaggio naturale meraviglioso, dove si pedala fino a un bellissimo altopiano a oltre 1300 metri di altitudine.

Alla scoperta dei villaggi bianchi nelle vicinanze

Situata nell’entroterra a 25 chilometri da Nerja, Competa è uno degli splendidi villaggi bianchi dell’Andalusia. L’architettura della città è un mix di influenze arabe, romane e cristiane. Ne vale la pena!

Anche Frigiliana è da non perdere, proprio sopra Nerja, dopo una salita di 6,3 km dal livello del mare si raggiunge Frigiliana a 322 metri di altitudine. Si sale ancora lungo affascinanti strade tortuose, dove alla fine dell’escursione, le immense viste su Nerja e sul Mediterraneo, sono la meritata ricompensa. Un labirinto di strade, case imbiancate a calce e ovunque i profumi e i colori dei fiori, del gelsomino e della lavanda.

È spesso definito il villaggio più bello dell’Andalusia e ha ricevuto ufficialmente questo titolo diverse volte. Sembra davvero un’immagine da cartolina!

El Acebuchal da villaggio fantasma a villaggio da sogno

A dodici chilometri da Frigiliana, El Acebuchal è una gemma nascosta tra le montagne della Riserva Naturale della Sierra Tejeda, Almijara e Alhama. Per secoli, El Acebuchal è stato un importante punto di sosta sulle rotte mulattiere tra Nerja, Cómpeta e Granada, dove una locanda poteva offrire agli ospiti un posto per dormire e mangiare.

Nel XX secolo, però, il villaggio, completamente in rovina, è diventato il cosiddetto “villaggio fantasma”. Nell’anno 2021, tuttavia, è diventato un luogo mozzafiato con una storia di orrore duratura. È anche possibile mangiare in un fantastico ristorante. Il villaggio si raggiunge attraverso una strada fuori strada e per arrivarci bisogna anche attraversare un piccolo fiume. Si consiglia quindi una MTB invece di una bici da strada! Ma attenzione, con lunghi tratti di salita ripida (fino al 22%), questa gita non è adatta a tutti. Si può anche partire in auto per un po’ e poi fare l’ultima parte a piedi. Oppure si può salire in 4X4 fino al villaggio.

La storia

La vita di questa regione all’inizio era chiaramente di tipo più duro, ma la sua storia più recente è illustrata da un evento molto più doloroso. Negli ultimi giorni della guerra civile spagnola, alcuni ribelli repubblicani si nascosero sulle montagne dietro la costa. Il regime franchista sospettava che gli abitanti delle campagne di El Acebuchal sostenessero e nascondessero i maquis. Alla fine, questi abitanti si trovarono tra due fuochi. Nel 1948, Franco ordinò alle sue truppe di evacuare il villaggio. I circa 200 residenti dovettero abbandonare tutti i loro beni, compresi gli animali. El Acebuchal si trasformò presto in una rovina e in un villaggio fantasma, “Un Pueblo Fantasma”.

Finché Antonio García Sánchez, il cui padre era nato a El Acebuchal, acquistò il borgo nel 1998. Utilizzando vecchie fotografie, ha iniziato a riportare gradualmente il fatiscente villaggio di montagna al suo stato originale. Solo nel 2003 l’elettricità e l’acqua sono state riallacciate e la vita è potuta ricominciare.

Nel 2005, Antonio e la sua famiglia hanno riaperto l’ex locanda, con il nome di Bar-Ristorante El Acebuchal. Questo è stato il passo più importante per la rinascita del villaggio. Rispondendo al crescente interesse turistico per la fonte di vita autentica in una natura ancora incontaminata, questo ristorante ha fatto sì che i turisti stranieri e gli stessi spagnoli volessero scoprire El Acebuchal e assaggiare la cucina locale. Antonio e la sua famiglia preparano piatti sorprendenti. Qui dovete assolutamente venire ad assaggiare il cinghiale, l’agnello, il cervo, il coniglio e/o l’anatra. Un’esperienza che non dimenticherete mai.

Ristorante El Acebuchal

Al ristorante El Acebuchal, la famiglia García Sánchez serve piatti locali e tradizionali. Il menu è sempre lo stesso. Ma i gustosi piatti sono “casera” (= autoprodotti), utilizzando il maggior numero possibile di ingredienti di produzione propria.

Mangiare carne al ristorante El Acebuchal è una vera delizia! Pollo (pollo) o anatra (pato), ma anche coniglio (conejo), cinghiale (jabali) e cervo (ciervo).

CONSIGLIO: il mio piatto preferito è l’anatra in salsa di mele (=pato en salsa de manzana). Per dessert, una deliziosa fetta di gelato artigianale, un’altra prelibatezza della casa.

Ma soprattutto, il delizioso pane fatto in casa (servito a mezza pagnotta o a pagnotta intera) dimostra quanto possa essere semplice realizzare creazioni improbabili da e con cose ordinarie.

Per saperne di più: www.elacebuchal.es

Più attualità

Altri articoli